Perla Scandinava

"Non ci sono cattivi inverni ma solo cattivi vestiti"

Il re dei piazzisti all’opera

Berlusconi_al_telefonino

Eccolo mentre si sta "lavorando" un cliente riottoso e scettico come il primo ministro turco Erdogan.

Il prodotto da piazzare è la segreteria generale della NATO da affidare al danese Rasmussen, inviso ai musulmani per via delle magliette blasfeme su Maometto.

No problem! Il Cavaliere ha convinto un cliente osticissimo, proprio utilizzando il classico ferro del mestiere del businessman: il cellulare.

Ora Andres Fogh Rasmussen è il nuovo segretario generale del patto atlantico.

Congratulazioni mr. Berlusconiii!

Annunci

4 aprile 2009 - Posted by | politica

11 commenti

  1. Non puoi immaginare come sia contenta di questa nomina frutto di tanta mediazione, molto da parte di SilvioB., che premia Rasmussen e il suo paese che è sempre stato presente sia in Afghanistan che in Iraq, ed è anche frutto delle relazioni amichevoli che il nostro premier ha saputo tessere, con astuzia, con tanti paesi difficili. Questa, tra le altre cose, è una vittoria i cui aspetti positivi saranno visibili, perchè in Danimarca, che è un paese piccolo ma battagliero, dopo che la Regina anni fa scrisse al parlamento lamentando che la presenza di troppi immigrati stava cambiando il volto del paese, i danesi mandarono a casa il governo socialdemocratico ed elessero Rasmussen il cui governo decretò lo stop all’asilo e, a scanso di equivoci, tolse ai magistrati la possibilità di intervenire in materia. Questo ancor prima delle vignette.
    In quanto a Silvio, guarda qui

    è di qualche anno fa ma è fantastico 🙂

    Commento di Lorenza | 5 aprile 2009

  2. durante la campagna elettorale il signor Obama aveva promesso che gli usa non avrebbero più fatto i guardiani professori del mondo.Appena è arrivato in Europa si è contraddetto bacchettandoci e dicendoci che se non accogliamo la Turchia siamo dei cattivoni. ora io mi chiedo,,cavolo prima Bush voleva imporre la legge americana nel mondo e lo criticavano, adesso arriva obama e ci vuole imporre la politica estera perchè NOI europei non capiamo un c…
    a questo pun to io dico:
    Non è che la cultura islamica del Signor Obama sta venendo a galla ?
    Perchè visto che Obama ama la Turchia non se la prende annettendola agli USA ?

    Commento di salvatore lota | 5 aprile 2009

  3. Per quello, Salvatore, anche Bush ci chiedeva di far entrare la Turchia in UE, e credo che nelle intenzioni fosse una scelta strategica legata al fatto che la Turchia sia membro della NATO e anche in una posizione geografica strategica. Delle intenzioni di Bush direi di essere certa, anche se poi, arrivati al dunque la Turchia si rifiutò di fare da base agli aerei che fossero andati a colpire qualsiasi paese “fratello”, mah!. Sinceramente non so adesso quale sia la posizone di quel paese al riguardo, e neppure quali siano, al riguardo, le intenzioni di Obama, sta a noi europei, che i turchi li abbiamo conosciuti fin troppo bene, rifiutarci.

    Commento di Lorenza | 5 aprile 2009

  4. Ah ecco, Sarkozy ha già risposto a Obama

    http://quotidianonet.ilsole24ore.com/2009/04/05/163134-vertice_sarkozy_voce_grossa.shtml

    Commento di Lorenza | 6 aprile 2009

  5. Lorenza, grazie per il video divertente.
    Fosse per me l’unione dovrebbe tornare a quella dei sei fondatori! 😀
    Turchia o no, questa di oggi è una costosa finzione, anche piuttosto ipocrita, visto che alla fine sono sempre i soliti a prendere le decisioni determinanti, quando riescono a prenderle.

    Grazie e ciao!

    Perla

    Commento di Admin | 6 aprile 2009

  6. Salvatore, Obama si sente più autorizzato dei suoi predecessori a guidare il mondo, ha solo uno stile diverso. Speriamo che lo faccia con equilibrio e con determinazione.
    Ciao! 🙂
    Perla

    Commento di Admin | 6 aprile 2009

  7. Dopo la richiesta di accollarci in Europa gli ultimi terroristi irriducibili rinchiusi a Guantanamo, giusto per fare un piacere a lui che deve dimostrare di chiuderlo per rispetttare le promesse elettorali fatte, questa è la seconda sòla nel giro di un mese dal suo insediamento alla casa bianca che OHB cerca di rifilare a noi europei. Non conosco bene i motivi per i quali Sarkozy si sia ribellato così apertamente, resta il fatto però che la maggioranza degli europei, inteso come persone, è d’accordo con lui, me compresa. Se gli americani ci tengono tanto che ne facciano il 52° stato USA, noi i turchi li conosciamo fin troppo bene per cui: no grazie!. Anzi, spero che Berlusconi si guardi dal farsi portatore delle richieste americane perchè io, che ero passata momentaneamente sopra alla rivolta dei 101 riguardo il reato di clandestinità, non mi farei più nessun scrupolo a votare Forza sì ma Forza Nuova o Lega Nord.
    Ho letto che SB avrebbe intenzione di mediare tra le due parti e proporre di far entrare sì la Turchia ma mantenendo Schenghen per i cittadini turchi per un determinato periodo. Peccato però che credo che il periodo massimo prevedibile per il blocco siano solo 5 anni.
    E per capire cosa ci potrebbe capitare basta guardare la foto di Silvio, e cioè telefonate interminabili e concessioni per noi deleterie a ogni decisione che non li aggrada. Già per la nomina di Rasmussen a segretario abbiamo dovuto promettere ai turchi un posto di responsabilità nella NATO, probabilmente il vicesegretario, in più Obama si è fatto loro sponsor per l’ingresso nell’UE.
    Oltre al fatto che sono piuttosto preoccupata per la piega che, con OHB, sta prendendo l’America, e cioè di distanza dall’Europa come succursale, anche culturale.
    Saluti.

    Commento di Lorenza | 6 aprile 2009

  8. Lorenza, sto ascoltando la conferenza stampa con Erdogan e Obama. Erdogan lo ha presentato chiamandolo con enfasi Barack Hussein Obama”. Capito? Noi occidentali omettiamo il suo secondo nome come se fosse una macchia sulla sua immagine, mentre a quanto pare Hussein diventa un suo punto di forza nel mondo islamico.
    In questo momento il presidente americano sta elogiando la Turchia a tutto campo, ribadendo il suo parere positivo all’entrata del paese nell’UE.

    Certo che è innegabile che la Turchia sia strategica per molti aspetti geopolitico-economici.

    Saluti 🙂

    Perla

    Commento di Admin | 6 aprile 2009

  9. Beh ma allora che problemi ci sono a farla diventare il 52 stato USA invece di rompere le palle a noi 🙂

    Commento di Lorenza | 7 aprile 2009

  10. Anche io sono scettica sulla Turchia e bisogna dire che spesso gli americani si son presi delle batoste in quanto a strategie.
    Berlusconi é se stesso: un grande negoziatore. In fondo a lui interessa mettere tutti in pace e tranquilli, dunque si sbatte con l’uno e con l’altro. Vedremo..

    Commento di Lontana | 7 aprile 2009

  11. Cmq anche oggi, approfittando del terremoto, certuni non si sono smentiti

    http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=342450

    a me più che PDL pare un incubo.

    Commento di Lorenza | 8 aprile 2009


Sorry, the comment form is closed at this time.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: