Perla Scandinava

"Non ci sono cattivi inverni ma solo cattivi vestiti"

Finanze in fumo

Schwarzenegger

La California è precipitata nel baratro di una crisi finanziaria senza precedenti e il suo splendido e disperato governatore le sta provando tutte pur di ripinguare le esangui casse dello stato.

E visto che vendere i gioielli di famiglia (ammesso che un carcere lo si possa definire tale) non è risolutivo della crisi economica e finanziaria che Arnold Schwarzeneger sta tentando di arginare, ecco che, alla rovina rovinati, a qualcuno è venuta un’idea, tutt’altro che peregrina: legalizzare e tassare la produzione e il consumo della marijuana anche per uso ricreativo.

L’uso terapeutico della cannabis potrebbe così ottenere una promozione senza precedenti, grazie anche al parere favorevole della maggioranza dei californiani. Ma se i proponenti della liberalizzazione della foglia di canapa hanno calcolato esclusivamente l’ammontare delle entrate fiscali che deriverebbero dalla tassa sul consumo, almeno altri due potrebbero essere gli effetti benefici che seguirebbero a vantaggio del risanamento del bilancio di Sacramento: riduzione dei costi altissimi che il regime proibizionista impone alla macchina repressiva (ovunque nel mondo) e, secondariamente, farebbe ulteriormente lievitare le già robuste entrate derivanti dai flussi turistici che, come Amsterdam insegna, creano ricchezza senza interferire sulla gestione dell’ordine pubblico.

Purtroppo però il nostro eroe non potrà depenalizzare un reato federale e il democratico Obama non è pensabile sia disposto a scatenare una guerra ideologica su questo delicatissimo versante tra favorevoli e contrari alla legalizzazione delle droghe leggere.

Non occorre essere Milton Friedman per comprendere, specie dopo aver letto questa impressionante inchiesta, quali sono gli enormi costi, economici, politici e sociali del proibizionismo coi quali ogni giorno Terminator è costretto a fare i conti… drammaticamente in rosso.

 

Annunci

22 maggio 2009 - Posted by | Antiproibizionismo

2 commenti

  1. Noto con piacere l’acuta eredità della tua passata militanza radicale, che soprattutto su queste faccende resta un valità aiuto al pensiero.
    Un abbraccio forte!
    CJ

    Commento di Calamity Jane | 23 maggio 2009

  2. Grazie CJ! 🙂
    Per meglio dire sono una di quei liberali che hanno preso atto che di libero non esiste nulla in un partito patriarcale e settario come quello radicale. Cio’ non toglie che, nel bene e nel male, quella pannelliana sia stata per me una scuola utile per conoscere e capire la politica dal di dentro.

    Ti abbraccio forte anch’io

    Perla

    Commento di Admin | 23 maggio 2009


Sorry, the comment form is closed at this time.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: