Perla Scandinava

"Non ci sono cattivi inverni ma solo cattivi vestiti"

La pensiamo esattamente come lui

Quel silenzioso terzo partito

“Proviamo a riprendere fiato. Il conflitto fra i difensori del «diritto alla libertà di scelta» e i difensori della «sacralità della vita» è degenerato nel modo in cui sappiamo. La violenza dello scontro ha coinvolto le istituzioni al massimo livello e ha spaccato il Paese. Due partiti nemici (si badi: ho detto nemici, non avversari) si fronteggiano e nessuno sa come andrà a finire. Come sempre in questi casi, è scattato, nei due campi, l’ordine di mobilitazione generale, la militarizzazione delle coscienze è in corso, e la consegna, per le opposte schiere, è di non fare prigionieri. Eppure, nonostante la violenza del conflitto, e la polarizzazione che l’accompagna, non è così facile (come vorrebbe farci credere la propaganda dei due contrapposti partiti) spazzare via i dubbi che le persone di buon senso, quali che siano le loro convinzioni morali, devono per forza nutrire di fronte a una vicenda come quella di Eluana. Anche se non è detto che i protagonisti ne abbiano piena contezza, l’intrattabilità politica del tema trova una eco nei «trasversalismi » e in certe contorsioni che si manifestano in queste ore nell’arena pubblica.

Se il Presidente della Camera, Gianfranco Fini, sceglie di non seguire il leader dello schieramento cui appartiene, aprendo così una frattura difficilmente ricomponibile Continua a leggere

9 febbraio 2009 Posted by | Uncategorized | , , , , , , , | 5 commenti

Il testamento segreto

La discussione in sede referente della legge sul testamento biologico si sta svolgendo a porte chiuse (senza riprese audio e video). I senatori della commissione igiene e sanità non discuteranno in pubblico le varie iniziative dell’opposizione e della maggioranza.

Questo non è affatto un buon segno e non tranquillizzano neppure le “indiscrezioni” che trapelano già da giorni sulle proposte del centrodestra, che ignorerebbe i basilari principi liberali sull’indisponibilità allo Stato della vita di ogni persona, ponendo una serie di veti e di ostacoli alla scelta volontaria di ciascuno a morire senza dolorose e umilianti terapie.

La proposta del Pdl è assurda se è vero che non tiene conto della volontà di chiunque non accettasse di giacere per anni in uno stato vegetativo fatto di idratazione e nutrizione, allo stesso modo con cui un altro rifiuterebbe l’idea di un’esistenza altrettanto indegna prolungata da farmaci e macchine immobilizzanti.

Se quello che verrà licenziato dalla commissione è quanto viene spiegato da Phastidio, non ci rimane che appellarci ai liberali di destra e sinistra (ammesso che ce ne siano) affinché non passi questo testamento biologico falso e assolutamente inutile.

27 gennaio 2009 Posted by | Bioetica | , , , , | 4 commenti

Situazione poco "brillante"?

Ieri ci siamo soffermati a riflettere su questo articolo di Marco Cavallotti (Legno Storto) e, nonostante un lieve senso di colpa, abbiamo comunque apprezzato l’impietosa nitidezza del quadro scaturita da quelle parole.

Dovremmo utilizzare troppe pagine e molta più voglia di scrivere al fine di fornire un’analisi seria di questo “fallimento” del network liberale, che tanto aveva entusiasmato noi sostenitori del centrodestra, che ci vedevamo finalmente riconosciuti il diritto di cittadinanza nel mondo virtuale, occupato fino ad allora dalla straripante militanza della iperinformatizzata sinistra. Continua a leggere

21 luglio 2008 Posted by | Uncategorized | , , , , , | 12 commenti